Fai luce sul futuro: illumina di meno Stampa Email



Spegnere le luci e accendere il cervello


Impegnarsi a spegnere le luci un giorno basta a mettere in pace la nostra coscienza e a renderci smart e green?

Non sprecare energia è una questione morale ed economica, che non necessariamente deve prospettare una decrescita, per quanto felice.
Applicare creatività e innovazione è invece questione di intelligenza.
Usare fonti di energia alternativa apre prospettive al futuro del marcato nei vari settori della green economy, richiede agli architetti e ai designer di integrare (magari ridisegnandoli) pannelli fotovoltaici e pale eoliche nelle città e nei paesaggi senza compromettere qualità del costruito e bellezza dei territori, sensibilizza il singolo (sostenuto magari da detrazioni fiscali) nell’applicazione domestica o nei luoghi di lavoro.
È possibile illuminare gli spazi di una palestra sfruttando l’energia prodotta dalle pedalate dei ginnici frequentatori?
E inventare una pavimentazione che assorbe l’energia delle corse dei ragazzini per restituirla all’illuminazione della palestra della scuola?
Hai altre idee?

14 02 2013


Il 15 febbraio 2013 è la Giornata del Risparmio Energetico promossa da Caterpillar, Radio2. Dalle ore 18, sostenitori virtuosi spegneranno monumenti, piazze, vetrine, uffici, aule e private abitazioni in nome della sostenibilità e all’insegna della razionalizzazione dei consumi energetici.

E tu che cosa fai abitualmente per risparmiare energia e che cosa farai di speciale per aderire a questo simbolico silenzio energetico?

07 02 2013

 

Commenti   

 
0 #6 Francesca 2013-02-15 16:26
A volte per illuminare meglio basterebbe il buon senso!
Perché, in attesa di soluzioni meno impattanti sul territorio, non si impedisce di costruire parchi eolici e campi fotovoltaici in aree agricole? Ci sono tanti territori con capannoni industriali che potrebbero ospitare (sui tetti o a fianco) pannelli fotovoltaici senza danneggiare troppo il paesaggio...
Citazione
 
 
0 #5 una mamma 2013-02-15 13:01
per diminuire i costi sanitari della società, prevedere il funzionamento della tv a pedalata o step o quel che è: meno poltroni e meno ciccioni!
Citazione
 
 
+1 #4 Silvia Trovato 2013-02-08 17:48
Sono pienamente d'accordo con Fabrizio...anzi chè "risparmiare" prediligo il termine "consumare meglio e razionalmente", è solo questione di abitudine, educazione mentale, un po' come la raccolta differenziata. Se nel mio piccolo do un piccolo contributo...ta nti piccoli contributi si trasformano in un grande contributo, è ora di agire...e crederci soprattutto! Il 15 febbraio continuerò a comportarmi come sempre, imponendomi però di migliorare continuamente :-)
Citazione
 
 
0 #3 Virginia Gili 2013-02-08 16:36
In effetti Dante Salmè offre una riflessione convincente: per un gesto anti-ciclico "illuminiamoci meglio"!
Citazione
 
 
+3 #2 Dante Salmè 2013-02-08 15:54
Non farò nulla. Le luci si stanno spegnendo da sole, siamo in mezzo al tunnel, e la luce là in fondo la vede solo qualche marpione. Spegnere ancora qualcosa mi sembra un gesto pro-ciclico, come dicono gli economisti. Quindi inutile, e non adatto ai sentimenti di miglioramento e di uscita dal Purgatorio anticipatoci qui e oggi. Luce, luce, luce dunque! Per la Quaresima almeno aspettiamo le Ceneri.
Citazione
 
 
+3 #1 Fabrizio 2013-02-08 09:23
Quando mio padre, che aveva patito il tempo della guerra, ma che aveva raggiunto un moderato benessere, risparmiava sull'acqua e sull'energia elettrica, mi sembrava esagerato. Si poteva sprecare e allora perché non farlo? lasciare le luci accese in tutte le stanze, sembrava una liberazione, una festa...ma era solo una stupidità adolescenziale. Il messaggio era chiaro e l'ho capito prima che la crisi ci obbligasse a farlo: è intelligente, etico e responsabile usare con misura, limitatamente a ciò che serve.
Non lascio luci accese in stanze dove non c'è nessuno, chiudo il rubinetto dell'acqua quando mi lavo i denti, faccio la doccia velocemente e non il bagno, uso programmi brevi per gli elettrodomestic i e non lascio nulla in stand-by, copro gli spifferi delle finestre, non uso aria condizionata e se ho freddo, mi metto una maglia in più.
Non vado in bicicletta...li mito l'uso dell'auto preferendo percorsi a piedi o con mezzi pubblici, ma capita di rado... Il 15 febbraio NON userò l'auto: questo è il mio impegno eccezionale.
saluti
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna