Confessioni di un eco – peccatore. Viaggio all’origine delle cose che compriamo Stampa Email

Fred Pearce
Prefazione di Luca Mercalli

Edizioni Ambiente, 2009
pp. 347 | € 22.00
ISBN 9788896238240

Da dove vengono i prodotti che acquistiamo ogni giorno? Chi li ha fatti e con quali costi per l’ambiente? Che cosa gli succede dopo che vengono buttati? Per rispondere a queste domande Fred Pearce, uno dei più quotati giornalisti ambientali del mondo, ha viaggiato in più di venti Paesi per conoscere le persone ed i luoghi da cui provengono le cose che usiamo quotidianamente.
Dalle miniere del Sud Africa agli allevamenti di gamberi in Bangladesh, dalle fabbriche di giocattoli cinesi ai campi di cotone in Australia, Pearce indaga sugli aspetti economici, ambientali e morali di quel gigantesco processo chiamato 'globalizzazione'. Ne emerge un quadro spiazzante, che mette in discussione luoghi comuni e presunte verità care ad una parte del pensiero ambientalista ed indica soluzioni possibili ai grandi problemi della nostra epoca.
Riscaldamento globale, problema demografico e crisi energetica: Pearce sottolinea come ciascuna di queste sfide possa esser vinta servendoci di ingegno, capacità di adattarci e fiducia, le nostre qualità più preziose.

Fred Pearce, vive a Londra ed è il consulente ambientale di New Scientist. Collabora regolarmente con The Indipendent, The Guardian e con London Daily Telegraph ed ha scritto svariati rapporti per l’UNEP, la Banca Mondiale e per l’Agenzia europea per l’ambiente. Nel 2001 è stato nominato giornalista ambientale dell’anno in Gran Bretagna. È autore di tredici libri, tra cui Un pianeta sott’acqua. Viaggio nella desertificazione contemporanea (Il Saggiatore, 2006). Tiene una rubrica dedicata al greenwashing sulla rivista Internazionale.